febbraio 29, 2008

CATALOGHI DELLE DIVERSITA’

Posted in COSE LONTANE, MALINCONIE URBANE tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , a 5:46 pm di biaraven

LA PAGINA NERA DI NONSOLOMODA

“Avete appena visto un esperimento sensoriale, e di memoria, che ha voluto rinunciare alla descrizione, alla voce, ma non ai concetti ispiratori di fotografia e montaggio.Assenti ma presenti nella silente ragnatela di parole: relazione, connessione, sospensione, leggerezza e originalità. Concetti cari a Italo Calvino. “Se mi date tanti soldi vi farò una bellissima architettura, se me ne date ancora di più, ve la farò scomparire”.
-Yoshio Taniguchi-
 Parole non pronunciate, non udite, per una volta scomparse…come:Qualità, sostenibilità, paesaggio, territorio, città…Corto circuito di luoghi, natura e naturalezza…Graffi di colori e di sapori…Tempo, calma, ascolto, dimensione temporale…Sagome di assenze, calchi di memorie… Cataloghi delle diversità…dicevamo.Cosi è, se vi pare”.

Così e se vi pare, la natura.

Infinita moltitudine di sensazioni e sensi. IL silenzio a coronare questo quadro. Non serve la voce di un uomo per ascoltare e comprendere.Basta ascoltare il silenzio in silenzio.

Annunci

febbraio 20, 2008

LONTANO…

Posted in COSE LONTANE tagged , , , , , , , a 5:46 pm di biaraven

 

Scorrono le strisce bianche dinnanzi ai miei occhi.Convinco le stelle a destarmi, nell’istante in cui dovesse cogliermi il sonno.Prego la luna, che mi stia accanto durante tutta la durata del crepuscolo,che mi accompagni lungo i chilometri…lunga la strada, attraverso l’autostrada, che mi porterà lontano, lontano da qui, quanto più vicino alla mia patria, alla mia anima.

febbraio 19, 2008

DOVE SONO FINITI GLI ANGELI?

Posted in COSE LONTANE, MALINCONIE URBANE tagged , , , , , , , , , , a 8:38 pm di biaraven

Guardo oltre lo specchio e scorgo un bambino.Un infante dagli occhi d’angelo che mi guarda e mi cerca.E’ solo nella sua solitudine, si perde nei suoi occhi, mentre cerca i miei.Oltre lo specchio: il profondo.Oltre l’anima: l’istinto.Tra il mare e il fuoco, solo quel bambino dagli occhi grandi, a mantenere una parvenza di equilibrio.Non sa nulla del suo destino, vive in preda a deliri ed emozioni violente.Non conosce dimora e non conosce pace.Ma dove sono finiti gli angeli?  

Pagina successiva